Per essere considerato una risorsa affidabile, un dizionario deve includere questa clausola tra le sue definizioni del sostantivo tenore, del tipo:

Roberto_Iarussi_bio

Iarussi possiede una voce capace di emozionare l’anima, accarezzando il cuore. Ha dedicato il suo lavoro al perfezionamento del suo timbro vocale, colorato da testi centrati sulla verità che ci circonda. L’atto del cantare rivela con consueta eleganza l’esperienza coraggiosa dell’uomo. La sua opera fa riferimento ad una sensibilità carismatica che si accosta alle grandiose opere ottocentesche, alle gesta emozionali del verismo, al fascino e all’intimità della musica napoletana. È un interprete contemporaneo che accorda le similitudini tra la musica classica e quella pop, rispettando le sfumature e i parametri di entrambe.

Roberto Iarussi ha un talento innato per il canto, difatti il suo nome suona come una melodia. Sebbene nato in America, frequenta entrambe le realtà sia paterna che materna con radici napoletane impiantate nella musica e nell’arte partenopea, che han visto precederlo da Ruggero Leoncavallo, compositore dei Pagliacci; dal basso Luigi Lablache, da baritoni come Pasquale Amato e Antonio Scotti, dal mezzosoprano Ebe Stignani, dai soprani Giannina Arangi-Lombardi e Maria Canaglia ma soprattutto dall’eccellente tenore Enrico Caruso che è stato uno stimolo in più per Iarussi al momento della scelta di diventare tenore. Iarussi onora la sue radici musicali, integrando in maniera straordinaria i valori e la cultura musicale del giorno d’oggi; metaforicamente trapianta nel corpo del presente il midollo del passato. La sua voce è un veicolo per messaggi musicali pieni di vita che la nostra epoca ignora. Essi includono: un amore impavido che sconfigge la rabbia, il male e il dolore; è la chiara celebrazione della bellezza come espressione del bene di cui la fede è la sua partner fidata.

Nonostante la sua età giovane, partecipa sia a una prestigiosa competizione vocale a livello internazionale organizzata dalla fondazione Puccini, conquistandosi il verdetto dei giudici e l’ovazione degli spettatori, che al concorso Gerda Lissner. Ha ricevuto il premio vocale Andrea Bocelli con un exploit sul palco internazionale nelle vesti di Don José in Carmen e Calaf in Turandot. La sua arte canora è stata apprezzata e citata dal New York Sun e dall’Opera News. Ha cantato sotto la direzione di maestri come Kent Nagano e Anton Guadagno e ha collaborato con registi illustri come William Friedkin e Tito Capobianco. Roberto Iarussi riesce a conciliare la sua identità caratteriale e vocale col suo essere. La nostra realtà musicale segue la scia della modernizzazione con stili di musica sempre più commerciali, eppure Iarussi conserva la genesi classica. La sua personalità fece in modo che si distinguesse in un tempo in cui i cantanti non avevano tanta visibilità. È diventato una star grazie a un suono della voce unico nel suo genere, e alla sua predisposizione canora. Avere uno stile esclusivo si riveló un suo difetto e non fu valorizzato a tempo da un’agenzia di artisti che pur di badare alla convenienza, snobbó la sua competenza, generalizzando le sue qualità. Solitamente un’agenzia dovrebbe essere più responsabile delle proprie scelte e soprattutto quando è in atto un’opera teatrale. L’originalità ricerca la perfezione e bada ai minimi dettagli mentre l’uniformità si limita alle richieste del mercato. Paradossalmente, l’espressione di un’artista più proviene dalla sua esperienza, dai suoi sentimenti e amori e dolori e tanto più è universale. Quando Iarussi esprime il suo tono, i suoi accenti, la sua voce rievoca memorie indelebili. L’atto del cantare per lui è come una relazione coi spettatori, la sua identità è come uno specchio in cui chiunque potrebbe riflettersi. La vita di Iarussi è stata contagiata dalla musica, ha studiato alla Julliard School of Music, ha avuto mentori leggendari della lirica come Licia Albanese, un soprano molto apprezzato da Arturo Toscanini (direttore d’orchestra), da Franco Corelli, l’idolo Met degli anni 60 e 70, considerato dal suo collega più giovane, José Carreras, non come un tenore bensí come un gladiatore, stimato anche da Luciano Pavarotti e da Placido Domingo. Roberto Iarussi è approdato sulla scena musicale in un momento in cui le conoscenze vocali erano state accantonate dagli agenti che avrebbero dovuto garantire il futuro artistico. Il suo fascino, glamour e attitudine da tenore, furono detestate Da George Bernard Shaw durante il suo impiego da critico musicale. Col tempo Iarussi acquisì le tecniche e le qualità richieste dalla sua ambizione di diventare un tenore. Lasció perplesso chi lo udì all’inizio dei suoi studi professionali.

In primo luogo, la sua voce venne definita “lungo”. Inizialmente credeva di essere un baritono nonostante gli allunghi vocali di esso non lo mettessero in difficoltà. Puntava a diventare un tenore, e i primi toni necessari per il successo di un tenore erano: As, Bs e il top C, che uscivano con facilità dalla sua gola, senza sfrorzarsi. All’età di vent’anni colpí chiunque l’avrebbe udito; intonava i versi classici italiani, offrendo un repertorio originale dello stivale di tutto rispetto. La signora Albanese e Giuseppe Di Stefano rimasero esterefatti dal portento della sua voce, e che era la prima volta che ascoltassero un giovane tenore cantare in quel modo. Corelli, un tenore drammatico per eccellenza, lodó Iarussi e lo definí come un marziano, una voce fuori dal comune che avrebbe meritato il successo a livello mondiale. A quell’età per Iarussi non sarebbe stato facile gestire la sua carriera in un mondo musicale che di solito spolpa i talenti e spesso brucia il loro avvenire.
I cantanti alle prime armi devono affidarsi a insegnanti di canto capaci di guidarli lungo la loro formazione, dove la respirazione, la gestione di essa lungo il canto, e come proiettare le dinamiche della voce da piano a fortissimo e così via, sono i cardini delle qualità canore. E se è raro trovare un insegnante che capisca le esigenze di un cantante, visto che la maggior parte di essi non riconosce e valorizza al meglio le doti di che desidera cantare, significa che la maggior parte dei cantanti deve educarsi da sé. Ad esempio, Birgit Nillson, trai i migliori cantanti che sia mai vissuto, affermò che fu un miracolo che gli insegnanti coi loro metodi di insegnamento, non rovinarono la sua carriera prima che iniziasse. Difatti lo si vide nei grandi schermi all’età di ventott’anni. Franco Corelli (con il quale Nillson he recitato in spettacoli famosissimi a New York, Milano e Vienna negli anni 50, 60 e 70 come Turandot), ammesse di aver acquisito una formazione artistica da autodidatta. Grandi voci risiedono in anni di sacrifici accompagnati da una conformazione corporea consona al suo sviluppo! La gioventù per un cantante è come il biglietto di un viaggiatore per la giusta località turistica, lo trasporta laddove non si direbbe, quindi a sua volta, non deve mai smettere di credere nelle sue potenzialità, levigatesi coll’obiettivo che accomuna gli artisti. Roberto Iarussi deve ringraziare il suo prodigio vocale al duro impegno che giorno dopo giorno ha riversato nel canto, conseguendo una voce brillante, che prende il cuore a braccetto con il suo suono armonioso e gioioso. Alcuni interpreti sostengono che l’ascesa al successo professionale è un progresso reale, che avviene per natura, mentre Roberto Iarussi indulge, asserendo che il candore della padronanza vocale è raro e che ha bisogno di un retroscena utile per la sua elevazione e espansione, donando gioia, conforto e perchè no guarigione momentanea da qualsiasi male a chi ascolta. Suo padre inizialmente non voleva che lui diventasse cantante, per il timore che la musica potesse sviare cosa lo distingueva dagli altri, omologandosi alla massa. C’è stato un periodo nella vita del tenore in cui si alienó dalla musica per stare accanto a un membro della sua famiglia in condizioni di salute precarie. Da quel momento in poi proseguí cogli studi di medicina, per trovare delle risposte ai mali sofferti dall’organismo. La musica si ridusse a un mistero per lui, il suo senso lo ha sempre ritoccato dalla sua giovane età, quando egli elencava come ambizione quella del sacerdote; dal primo pensiero e riferimento storico, notiamo il legame inscindibile tra la religione e la musica, l’uno plasmato nell’altro e viceversa. Le sofferenze lasciano ferite a volte insanabili e Iarussi, grazie alla fede e all’essenza trasmessagli dalla musica, ha rimarginato i drammi passati che ora condivide con le sue performance sui palcosceni in giro per il mondo, per respirare la vita e soprattutto per regalare agli altri un momento di felicità fatto di vocalizzi. Capisce, inoltre, quanto sia necessario contribuire al benessere spirituale in modo da bilanciare se stessi al contatto con la contraddizione materiale. Iarussi ha collaborato a eventi di beneficenza per associazioni umanitarie per i diritti all’infanzia, dei malati e degli animali, definendoli urgenti; ha sostenuto la Croce Rossa Americana, L’American Cancer Society e I Cavalieri di Colombo devolendo gli incassi dei suoi concerti. Iarussi è stato anche premiato con riconoscimenti al valore, visto il suo docile interesse alla vita militare e fu invitato a un gala dal generale David Petraeus e dell’ammiraglio Mike Mullen a dare un po’ di spettacolo per il personale e le famiglie delle milizie.

 

~ James Kuslan